Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


Ambasciata  0

Piazzetta Ambasciatori del Gusto, 1
46026 Quistello MN
tel. 0376 618255 fax 0376 619169
[email protected]
www.ristoranteambasciata.com

Ambasciata



Lucio Dalla conferì all’Ambasciata di Quistello, bassa Mantovana con l’argine del Secchia che scorre accanto, quella che risulta essere ancora oggi la definizione più suggestiva: il bar di Guerre Stellari. In effetti dal 1978 non esiste nulla di più sfarzoso, spettacolare, circense della sua sala. E anche se gli anni passano inesorabili per tutti, paiono non scalfire lo smalto, la tenacia e la sfavillio -siate d’accordo o meno- di uno dei templi della ristorazione italiana. L’italica bandiera del cibo trova nell’Ambasciata una delle sue espressioni più genuine e pure. Anche per questo il ricettario dei fratelli Tamani pare essere uscito da un festino gonzaghesco: porcellane, specchi, tappeti persiani, libri, in un emiciclo arricchito da argenti, cristalli illuminati dal riverbero delle candele, zuppiere, tortiere. Un fasto maniacale che vale la pena almeno una volta nella vita visitare e concedersi, concentrandosi nella lettura di un menu lungo come un libro sacro e sfogliando una carta dei vini mirabolante. Mangiare e bere non sono qui gesti ordinari, ma magie che vorreste non finiscano mai. Francesco Tamani vi farà accomodare su uno dei troni e poi via con le spesse fette di salame all’aglio maturato a Quingentole, il Parmigiano Reggiano DOP di Quistello, i ciccioli di maiale. Tanto per cominciare...



Cosa si mangia



Cercate un locale dove a farla da padrona in cucina sia l’innovazione (parola vacua ed abusata dove confluiscono impreparazione e disconoscimento della cultura alimentare del nostro Paese)? Tirate dritto, non fermatevi in questo gioiello della cucina tricolore. I piatti sono opulenti per materia prima e traboccano di storia, come i maccheroncini al pettine con sugo di oca, variante di quelli al sugo di coniglio, pure in carta, in omaggio alle numerose presenze ebraiche insediatesi nel Mantovano. L’oca si ripete nella terrina di fegato con composta di pomodori verdi e pane veneziano caldo, semplicemente senza tempo; nei tortellini verdi da erbette ripieni di fegato in brodo di capello del prete, coda di bue, verdure e pomodoro; nella memorabile scaloppa fegato grasso al Sauternes accompagnata da frutta fresca di stagione. Si compiacciono i tournedos alla Rossini di essere golosi almeno quanto il celebre maestro pesarese avesse potuto gustare al glorioso Maison Dorée: ricchi di tartufo nero, fegato grasso d’oca e prezioso Madera, buoni forse più di quelli concepiti per la prima volta dalle mani dell’illustre Casimir Moisson. Ormai entrato nella leggenda della gastronomia lo zabaione tirato davanti agli ospiti in una piccola casseruola di rame. Ricette vecchia maniera, quindi. O meglio: classiche, ripetute, riviste con il piglio ancora giovane di un grande vecchio dei fornelli, Romano Tamani.


Cosa si beve




La subdola scossa di terremoto del 29 maggio 2012 ha portato via qualche migliaio di bottiglie, ma la cantina dell’Ambasciata rimane una di quelle più gloriose e gioiose dell’intera nazione. Importanti rarissime annate, grandi cru francesi: cercateli tra le imponenti pagine. Li troverete.



Fiore all'occhiello




All’Ambasciata di Quistello si respira una parte della storia della cucina italiana e la ricchezza che essa ispira in tutto il mondo. Romano Tamani ha cucinato per le teste coronate più rilevanti al mondo, tra cui Farah Diba e papa Wojtyla. Ma questo non ha modificato la natura dei fratelli Tamani, alcuni tra gli uomini più grandi del mondo.



Titolare:
Francesco e Romano Tamani con Gianpietro Crescini

Chef:
Romano Tamani

Maitre:
Francesco Tamani

Apertura:
pranzo e cena

Chiusura:
domenica sera e lunedì

Ferie:
due settimane in gennaio, altrettante in agosto

Coperti:
45

Parcheggio:

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:

Carte di credito:
tutte

Prezzo medio:

Come arrivare




da Mantova percorrere l’autostrada A22 sino al casello di Pegognaga. Lasciarla in direzione di San Benedetto Po e seguire le indicazioni per Quistello.



Comments are closed.

Nelle vicinanze

«Advertisement»