Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


Antica Locanda del Falco

Nel borgo del Castello di Rivalta, adagiato sulle sponde del Trebbia e con sullo sfondo le verdi colline piacentine, c’è un locale storico della ristorazione piacentina: l’Antica Locanda del Falco. Il ristorante, gestito dal 1977 dalla famiglia Piazza, si sviluppa in tre salette accoglienti, un giardino pittoresco con un glicine secolare e un dehor esterno che si affaccia sulla piazza del borgo. Scorci che sono in grado di creare un’atmosfera unica. All’ingresso del locale la “grande dispensa” del ristorante: una bottega dove si possono trovare i prodotti che vengono lavorati in cucina: frutta e verdura, salumi stagionati, formaggi e altre prelibatezze locali.


Sabrina, l’ultima dei cinque fratelli Piazza, ha raccolto il testimone dai genitori e sta traghettando la locanda verso una nuova fase: la tradizione è sempre rispettata, ma con la collaborazione di due giovani chef giapponesi sta cambiando marcia al ristorante con nuove preparazioni, un menu più dinamico e moderno, attenzione a vegetariani e celiaci e pane fatto in casa.

Cosa si mangia

La pasta viene preparata tutti i giorni. Ai Pisarei e faso e agli Anolini in brodo di cappone – piatti tipici della tradizione piacentina – si aggiungono gnocchi alla farina di castagne e Gnocchi di zucca con scaglie di pecorino e amaretti. I fuori menu, con “Le improvvisazioni del giorno”, creano curiosità e danno il segno della stagionalità. Il pesce lo si ritrova negli antipasti, per esempio l’Insalatina tiepida di merluzzo, oppure con del Baccalà mantecato con crema di patate. Ma è sulle carni che emerge l’eccellenza di Sabrina: dalla Tartare di Scottona piemontese alla specialità di casa, il Maialino da latte cotto al forno con zenzero, miele e limone. Tra i dolci spiccano la Gelatina di arancia e meravigliose torte preparate con mousse diverse ogni giorno. Ogni giovedì, a pranzo e cena, per tutto l’inverno fa bella mostra di sé il carrello caldo del gran bollito.

Cosa si beve

Cantina suggestiva e ben fornita. Sotto le grandi volte vengono conservate 550 etichette. La Valle del Trebbia e le zone limitrofe sono ben rappresentate, ma la ricerca fatta negli anni ha portato ad una carta dei vini calibrata sui gusti dei clienti, con bottiglie di annate particolari: c’è tanto Piemonte, con i suoi rossi che si sposano a meraviglia con la cucina della locanda. Buona la scelta sui vini francesi. 

Fiore all'occhiello

Senza dubbio le carni. I Piazza sono una famiglia di macellai e norcini. Gli insaccati che si trovano in bottega e al ristorante sono fatti da loro e seguono lunghe stagionature.

Titolare:
Sabrina Piazza

Chef:
Sabrina Piazza, Tomo e Yurika

Maitre:
Sabrina Piazza, Tomohide Nakayama, Yurika Koeda

Apertura:
pranzo e cena

Chiusura:
martedì

Ferie:

Coperti:
95 all’interno, 70 all’esterno

Parcheggio:
pubblico nelle vicinanze

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:
sì, di piccola taglia

Carte di credito:
tutte

Prezzo medio:
40 euro, vini esclusi. (12 euro menu del lavoratore a pranzo)

Come arrivare

Scrivi una recensione

La redazione si riserva il diritto di invalidare, senza doverne dare comunicazione all’utente, qualsiasi commento o altro contenuto che sia ritenuto inappropriato perché di natura diffamatoria, ingiuriosa, volgare o discriminatoria. ATTENZIONE! non sono tollerati riferimenti diretti ai gestori o al personale che, nel bene o nel male, svolgono il loro lavoro.

Nelle vicinanze

  • Da fuori la Val Tidone non si intuisce, La Palta è in aperta campagna dove ancora gli Appennini piacentini si avvinghiano al Po. Un borghetto che di anime non fa cento: il maniero che cade inesorabilmente a pezzi ... »»

  • Due eleganti sale arredate con gusto, una raffinata mise en place. Benvenuti nella casa di Carla e Maurizio, che dal 1987 guidano questo ristorante a due passi dal Castello di Riva... »»

  • Hanno provato a cambiare Mario e Paola, ma quando il mare ce l’hai dentro è inutile pensare a carni e griglia. E così che, da sei anni, l’Osteria del Passatempo è punto di riferimento in città per chi ami il pesce. Da Ostuni Mario è arrivato negli Anni Ottanta... »»

  • Piacenza è sempre stata una città con un piede in Emilia e l’altro in Lombardia. Una città in cui le tradizioni enogastronomiche di due regioni un po’ si mescolano e un po’ si scontrano, dando vita a un linguaggio culinario del tutto originale... »»

  • Una bella villa trasformata in ristorante. Spazi su misura per una grande cucina d’autore, quella di Daniele Repetti, che da dieci anni a questa parte ha fatto del Nido del Picchio un luogo d’eccellenza, consacrato... »»

«Advertisement»