Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


Antica Osteria del Teatro  0

Via Verdi, 16
29121 Piacenza PC
tel. 0523 323777
[email protected]
www.anticaosteriadelteatro.it

Antica Osteria del Teatro

Piacenza è sempre stata una città con un piede in Emilia e l’altro in Lombardia. Una città in cui le tradizioni enogastronomiche di due regioni un po’ si mescolano e un po’ si scontrano, dando vita a un linguaggio culinario del tutto originale che non deve nulla a nessuno. Sin da piccolo Filippo Chiappini Dattilo si lascia affascinare dal mondo della cucina, con i profumi dei piatti della nonna che lo accompagneranno per tutta la vita. Più in là nel tempo mette in un cassetto gli studi di ingegneria e si dedica al grande amore della cucina. Qualcuno mormora che un po’ ingegnere lo sia rimasto, visto che di ogni piatto cura i colori, le forme, i sapori e i profumi che lo compongono in sequenze precise in cui i sensi possono cogliere ritmo e armonia. Forte dell’insegnamento di grandi  maestri, primo tra tutti Georges Cogny, ha ancor più nobilitato il capolavoro architettonico quale è il palazzo rinascimentale dove lavora grazie a piatti armoniosi e ammalianti, diventando sosta inderogabile in città per i golosi che vi giungono.

Cosa si mangia

Maniche arrotolate, tanta passione e una profonda dedizione sono state il motore della formazione di Chiappini Dattilo. Una formazione fatta sul campo, con disciplina, tra pasta tirata a mano e piatti che diventavano opere d’arte. Tre anni nella terra di Luigi XIV a imparare dai maestri, quelli con la “M” maiuscola: Georges Blanc, dell’omonimo ristorante di Vonnas, erede del leggendario La Mère Blanc; Émile Jung del ristorante Au Crocodile di Strasburgo; e lui, l’indimenticabile Georges Cogny, padre dell’Antica Osteria del Teatro. Non manca mai il territorio: salumi dell’alta Val Nure e giardiniera; Tortelli del Farnese al burro e salvia; Pisarei e fasô, anche in versione ai frutti di mare. Né creazioni visive, tattili e gustative non locali: come il Risotto mantecato con quaglia al profumo di rosmarino e fegato grasso d’oca, le Pappardelle al cacao con ragù di lepre in salmì, la Tagliata di cervo ai mirtilli.

Cosa si beve

Un’autentica cantina del Quattrocento custodisce suppergiù 1200 etichette, raccolte durante la pluridecennale esperienza di Filippo Chiappi Dattilo. Vi appartengono annate storiche, grandi cru e prodotti di case poco conosciute che rendono nel suo complesso l’offerta unica. Possibilità di intercettare vini a bicchiere, serviti come migliore abbinamento del piatto scelto.

Fiore all'occhiello

La preziosità del palazzo dove ha sede il ristorante esalta ciascuna portata. Pare di rivivere gli sfarzi dei Farnese, nobile famiglia che resse il Ducato per secoli.

Titolare:
Filippo Chiappini Dattilo.

Chef:
Filippo Chiappini Dattilo

Maitre:
Gian Carlo Grassi

Apertura:
a pranzo e cena

Chiusura:
domenica e lunedì.

Ferie:
dal 1° al 10 gennaio; dal 1° al 25 agosto.

Coperti:
40.

Parcheggio:
nelle vicinanze parcheggio Politeama.

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:

Carte di credito:

Prezzo medio:
80 euro

Come arrivare

Dalla A1 uscire a Piacenza est e seguire per il centro di Piacenza. Giunti alla rotonda di Piazzale Libertà, svoltare in Stradone Farnese, al semaforo a destra, quindi seconda a sinistra. Dopo duecento metri c’è l’Osteria.

Comments are closed.

Nelle vicinanze

  • Hanno provato a cambiare Mario e Paola, ma quando il mare ce l’hai dentro è inutile pensare a carni e griglia. E così che, da sei anni, l’Osteria del Passatempo è punto di riferimento in città per chi ami il pesce. Da Ostuni Mario è arrivato negli Anni Ottanta... »»

  • Nel borgo del Castello di Rivalta, adagiato sulle sponde del Trebbia e con sullo sfondo le verdi colline piacentine, c’è un locale storico della ristorazione piacentina: l’Antica Locanda del Falco... »»

  • Amalgamare le tradizioni più diverse: è quello che fanno da sempre Claudio e Marco Cesena al Relais Cascina Scottina. Strudel o tortelli, canederli o “pisarei e fasò”, birra o bargnolino: loro - mamma bavarese e papà di Firoenzuola – sono cresciuti così, ritenendo un valore il confronto fra sapori anche in contrasto. Ed è ancora questo il primo comandamento nella cucina di Claudio... »»

  • Una bella villa trasformata in ristorante. Spazi su misura per una grande cucina d’autore, quella di Daniele Repetti, che da dieci anni a questa parte ha fatto del Nido del Picchio un luogo d’eccellenza, consacrato... »»

  • Da fuori la Val Tidone non si intuisce, La Palta è in aperta campagna dove ancora gli Appennini piacentini si avvinghiano al Po. Un borghetto che di anime non fa cento: il maniero che cade inesorabilmente a pezzi ... »»

«Advertisement»