Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


Aquila D’Oro  0

Via Civano, 1
22010 Dosso del Liro CO
tel. 034 485882
[email protected]

Aquila D’Oro

A 500 metri di altitudine in un piccolo Comune della Grande Italia, quella che si distingue per serbare in sé una propria storia in ciascun villaggio, troviamo Aquila D’Oro. Il locale è aperto da cinquant’anni come trattoria e bottiglieria, luogo di atavici canti, parole e di buon cibo. Trattoria di paese, insomma, di alta collina o di montagna, come direbbero qui. Montagna: per il senso di lontananza dal traffico e dagli affanni delle città. Montagna: perché quassù si respira aria riposante e serena. Dal 2006, anno in cui Plinio Bossio, figlio di Graziella Peracca - titolare della trattoria - assume la responsabilità della cuci
na, Aquila D’oro muta in qualcosa
di diverso: un ristorante. Paesano,
rustico finché si vuole, ma Ristorante. Aquila D’oro sosta alle porte del paese, tre casolari attorno,
due collinette da cui si scorge il lago di Como. Il segnale è, mirum dictu, il cartello che rappresenta un indiano ed il suo gufo. Dentro, pareti dipinte di arancione e sassi; soffitto di legno in questa costruzione che fu caserma della Guardia di Finanza. Camino in pietra e fotografie in bianco e nero che rappresentano contadini al lavoro, come si produce il formaggio, i salumi. Sono gli stessi personaggi incontrati al bar. Tavoli e sedie in legno scuro e tovaglie minimali per farli trasparire. D’estate si mangia anche nella veranda esterna con bella vista sulla vallata.

Cosa si mangia

Plinio Bossio è cuoco , ragioniere se volessimo indagare, ha frequentato alcuni dei migliori ristoranti lombardi al tavolo e tra i fornelli, ma il suo stile è l’altissima qualità dei prodotti rurali, e non per “sentito dire”, ma per vera conoscenza della qualità di ogni singolo cibo. In cucina quindi solo prodotti nostrani: la famiglia alleva quattro suini a castagne, patate, mele e zucchine. Quando arrivano nel piatto sotto forma di salume (salame, mortadella di fegato, cotechino, pancetta o lardo) o preparazione gastronomica, la differenza è evidente. Le uova hanno la medesima origine, i formaggi sono affinati da Plinio stesso. Si percepisce nei gnocchi di patate locali, conditi con un ristretto di ricotta, basilico e salsa di pomodoro; diventa evidente con i gnoc col cügià: pastella morbida di farina e acqua, che s’immerge nell’acqua bollente e da cui si traggono gnocchi conditi con formaggi locali, burro chiarificato, erbe selvatiche e aglio. Poi ancora pappardelle con il cinghiale o la pasta di grano saraceno e farina 00 conditi con burro fresco di panne, salvia, rosmarino e formaggio d’alpe. Rigore mantenuto nei secondi piatti con l’agnello baciciò (a metà tra l’umido e l’arrosto), i bocconcini di cinghiale brasato con vino lariano, il coniglio alla contadina (accomodato in tegame con salsa di pomodoro, verdure e brodo) con polenta. A terminare le crostate e i dolci, preparati da Graziella e Plinio.

Cosa si beve

Buona cantina prevalentemente composta da vini rossi valtellinesi. Tuttavia non mancano etichette toscane e siciliane. Ma i vini che vanno per la maggiore sono proprio quei pochi lariani, pro- posti con entusiasmo da Plinio Bossio.

Fiore all'occhiello

Passione per la propria terra d’origine, al di là delle mode. Questo dovrebbe essere il piacere di accomodarsi in un ristorante. Qui lo si trova.

Titolare:
Graziella Peracca

Chef:
Plinio Bossio

Maitre:

Apertura:
a pranzo e cena

Chiusura:
martedì, tranne agosto

Ferie:
ultima settimana di settembre e prima di ottobre

Coperti:
55

Parcheggio:

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:
sì, di piccola taglia

Carte di credito:
tutte

Prezzo medio:

Come arrivare

da Como percorrere la SS 34 che costeggia il lago. In prossimità di Gravedona prendere la SP 4 per Peglio/Dosso del Liro.

Comments are closed.

Nelle vicinanze

  • Bellagio è oggi meta turistica internazionale. Hanno contribuito al suo successo nomi noti dello spettacolo e della politica, folgorati dalla bellezza del paesaggio e dalla bontà delle sue tavole. Il Ristorante Salice Blu nasce nel 1973 quando ancora quel turismo era in gestazione »»

  • Arroccata sulle sponde del lago di Lugano, l’Osteria La Lanterna è un luogo intimo e romantico, connotato da un’aura di tranquillità e serenità che contraddistingue questo tratto di costa lacustre. »»

  • È bello accomodarsi ai tavoli della Locanda del Notaio in tutte le stagioni dell’anno a cavallo tra il lago di Como ed il lago di Lugano. In estate per merito della brezza che sbuffa quassù ai quasi mille metri di altitudine »»

  • Chissà se questa è Italia. Le automobili sono parcheggiate con cura, nessun rumore inutile e molesto, una calma che ricorda regole e comportamenti collettivi civili. »»

  • Stazza, sorriso e simpatia. Sono le tre S che accompagnano la grande cucina di Mauro Elli, lombardo, dalla grande esperienza tra i fornelli anche internazionali. Il locale è un piccolo ambiente raccolto, grazioso e confortevole, molto ben curato »»

«Advertisement»