Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


Ca’ Murani  0

Via S. Antonio 7
48018 Faenza RA
tel. 0546 88054

Ca’ Murani

Entrando qui si ha fin da subito la sensazione di abitare un tempo, un momento lontano che si fa presente. Saranno i piccoli tavoli illuminati dalle lunghe lampade che spiovono dal soffitto basso, il camino, il pavimento irregolare in cotto, le finestrine che lasciano intravedere minuscoli fiorellini, la stufa a legno al centro della sala o più semplicemente l’atmosfera che vi regna al suo interno; resta comunque il fatto che questi elementi rilasciano una testimonianza concreta di cosa potesse essere entrare in una antica trattoria dei primi del novecento. Ca’ Murani, già il nome è una dichiarazione d’intenti: il cognome dello chef Remo Camurani, si scompone e diventa sinonimo di casa. L’esperienza ventennale con la Trattoria di Strada Casale oramai alle spalle, segna nel 2013 l’inizio di una nuova avventura con Daniela Pompili. Entrambi condividono una stessa visione di semplicità, dove cucina diventa sinonimo di attenzione e passione; i maestri come Nino Bergese sono sempre attuali, filosofi da rileggere continuamente.

Cosa si mangia

Nella tradizione della cucina rustica faentina è la carne ad avere la meglio, il paradigma seguito da Ca’ Murani rispetta questa inclinazione, trovando anche spazio per piatti di pesce fuori dalla carta e un’attenzione per le pietanze vegetariane. La campagna e i prodotti di stagione, determinano la proposta in carta. La Spalla cotta agli aromi di porchetta con insalata di verza e melograno, piatto delizioso e semplice al quale potrebbe seguire un Raviolo di patate e cavolfiore con squacquerone e tuorlo d’uovo, dove spicca il profumo aromatico dell’olio della Tenuta Pennita. Lonzino affumicato, Culatello, Coppa stagionata a 60 giorni sono primizie date dalla macellazione di maiali di campagna. Non mancano le zuppe, tra cui quella di Farro con funghi pinaroli, patate e pecorino stagionato, in osservanza della tradizione. Il pane e la focaccia al rosmarino sono fatti a mano, come del resto la pasta all’uovo e i dolci.

Cosa si beve

Un’ampia scelta di sangiovesi romagnoli da cantine delle colline faentine, i vini biologici del Consorzio dei Bioviticoltori. L’attenzione per i vini del territorio: Albana Leone Conti S. Lucia, Sangiovese Campiume da Brisighella, con una bella struttura di accompagnamento con il Gallo nostrano con porcini essiccati e patate rosolate con guanciale e rosmarino. Per i palati più morbidi, bollicine francesi e alsaziane.

Fiore all'occhiello

Una cucina casalinga, semplice, fatta di cotture al tegame, verdure a km zero, carni fresche e tanto tempo. In cucina come in casa, il tempo e l’amore fanno la differenza.

Titolare:
Daniela Pompili

Chef:
Remo Camurani

Maitre:

Apertura:
Cena, sabato e domenica anche a pranzo

Chiusura:
giovedi

Ferie:
10 giorni in Gennaio

Coperti:
60

Parcheggio:
no

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:
no

Carte di credito:
Mastercard, Visa, Dinner Club e Bancomat

Prezzo medio:
30 euro

Come arrivare

Comments are closed.

Nelle vicinanze

  • All’interno di uno storico e raffinato hotel in stile liberty – il Vittoria di Faenza – si sviluppano le tre proposte di Fabrizio Mantovani. Lo chef, compiendo quasi un percorso inverso, prima di creare un proprio ristorante identitario ha sentito la necessità di avere un luogo per tutti i giorni... »»

  • Vini, formaggi e salumi. I migliori. Da ogni angolo d’Italia. E non mancano ricercate proposte dall’estero. Una ricerca dettagliata sulla qualità dei prodotti sta alla base della filosofia de La Baita. Roberto e Rosanna, ora affiancati dal figlio Fabio, in oltre quarant’anni hanno trasformato quella che era una bottega di generi alimentari in un tempio del gusto... »»

  • Il casale nel quale ha sede oggi la trattoria da Luciano risale al 1525 e da oltre mezzo secolo è gestito dalla famiglia Giulianini che lo ha reso un punto di riferimento della cucina romagnola... »»

  • Il fascino della nobile dimora è finemente conservato. Alla Locanda di Bagnara – uno dei locali più attraenti dell’Emilia-Romagna – l’accoglienza è completa: hotel (otto camere tra cui una suite), ristorante ed enoteca... »»

  • Una Factory della cucina di stampo “wharoliano” tra le stradine strette delle campagne di Russi? Questo il progetto restaurant Madrara 11 nato dalla mente di due professionisti, Danilo Pavone e Daniele Vertemati, funamboli delle idee e cultori dei sapori internazionali... »»

«Advertisement»