Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


Cucina Cereda  0

Via Luigi Piazzini, 33
24036 Ponte San Pietro BG
tel. 035 4371900
[email protected]
www.cucinacereda.com

Cucina Cereda

Atmosfera rilassata, personale giovane ed affiatato con tanta voglia di crescere. Bella e corale la truppa che Giuseppe Cereda ha messo insieme aprendo in locale che dà su una vecchia corte, ol stal lonch, e che gode di decreto di edificio storico sotto tutela del Ministero dei Beni Culturali e Ambientali. In questa storica cornice, essenziale l’architettura al suo interno: tinte chiare ed inserti con mattoni a vista, quadri astratti alle pareti, che ruotano dando la possibilità a giovani e promettenti artisti di emergere. Le suppellettili 
eleganti e funzionali si fondono 
con l’ambiente dalle linee pure, armonicamente. La luce natura
le è la protagonista indiscussa In
Cucina Cereda, celata, in alcuni 
punti traspare attraversando le 
splendide vetrate a piombo che
 separano illuminandolo l’interno dall’esterno. Le due sale da pranzo si completano con l’interessante cantina, che merita una visita per l’intrigante scelta, l’architettura costruttiva e l’arguta disposizione delle fitte bottiglie. Personale e diretto è l’acquisto delle materie prime. Sveglia alle 7.30 per il mercato del pesce, poi dal macellaio e dal fruttivendolo: nulla è lasciato al caso e ogni ingrediente entra le porte della cucina dopo scrupoloso vaglio per permettere la creazione e ripetizione di piatti lineari e dai limitati elementi compositivi.

Cosa si mangia

I piatti di Giuseppe Cereda rivelano un’attenzione viva alle radici della cucina tradizionale plasmata con piglio moderno e creativo. Ne è esempio la riedizione del picö sö, ancestrale piatto dell’area padana attuato dallo strofinare l’aringa su fette di polenta consentendone il riutilizzo giorno via giorno. Così sono nati gli gnocchi di mais croccanti spadellati con spuma al vino bianco e aringa affumicata. Così è nata la panada, piatto di altrettanto antica fattura di semplice pane e brodo, qui reinterpretato con pancotto, salvia fritta, crostini di Parmigiano Reggiano DOP e pane per creare consistenze nuove e diverse. Nel portafoglio delle preparazioni si scorgono anche piatti marinari, come i calamari grigliati ed insalata di funghi cotti e crudi o la spigola arrosto in guazzetto di gamberi e burrata. Deliziosi i tortelli all’acciuga in guazzetto di gambero rossi e la coscia d’anatra laccata. Dessert finale di banana caramellata con gelato al prezzemolo. Grissini di casa e tanta, sincera cortesia.

Cosa si beve

Selezione certosina di vini bergamaschi, dell’Oltrepò e della Valtellina. Un occhio di riguardo viene dato inoltre al Piemonte ed alle proposte friulane. Di notevole impegno la proposta di Champagne.

Fiore all'occhiello

Tappa gourmet, Cucina Cereda, si accosta intelligentemente ai giovani e alle esigenze di questo periodo storico, con un menu degustazione per chi ha meno di trent’anni, a 30 euro: una maniera efficace per avvicinare i più giovani al buon cibo.

Titolare:
Giuseppe Cereda

Chef:
Giuseppe Cereda

Maitre:

Apertura:
a pranzo e cena

Chiusura:
lunedì e sabato a pranzo

Ferie:
due settimane in agosto

Coperti:
35 interni e 10 esterni d’estate

Parcheggio:
no

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:

Carte di credito:
tutte tranne Diners Club e American Express

Prezzo medio:

Come arrivare

da Bergamo percorrere la SS 342 in direzione Lecco e dirigersi verso il centro storico della cittadina.

Comments are closed.

Nelle vicinanze

  • C’era chi partiva dal Sud con le valigie di cartone piene di speranze, c’era (e c’è ancora) chi parte con le valigie piene di fantasia. Bruno Federico (Federico è, per antonomasia, cognome caprese) lasciò l’isola dell’anticonformismo da giovane. Lo senti e capisci che nello spirito nulla è cambiato da allora. »»

  • Sbaglia chi pensa che questa sia l’ennesima riedizione di simulate osterie, con poco o nessun interesse alla mescita di buone ed esigenti bottiglie, e dietro un nome tanto familiare »»

  • L’Unità d’Italia non era ancora all’ordine del giorno nelle agende dei regnanti. Camillo Rota Graziosi aveva la possibilità di aggiudicarsi dalla curia un signorile borghetto in Ambivere »»

  • Nel cuore di Bergamo Alta, tra vicoli ed edifici storici, si trova la Vineria Cozzi, un locale che affonda le sue radici nella storia della città. L’insegna informa gli ospiti che il locale è storico e dal 1848 »»

  • Da Vittorio: la storia di una famiglia italiana con l’amore dichiarato per la cucina. Affetto che emerge con tutta la sua nitidezza nel 1966 quando Vittorio Cerea, insieme alla moglie Bruna, apre il ristorante in centro a Bergamo. »»

«Advertisement»