Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


E Parlamintè  0

Via Goffredo Mameli 33
40026 Imola BO
tel. 0542 30144
[email protected]
www.eparlaminte.com

E Parlamintè

Nel 2015 spegnerà le trenta candeline. Un traguardo che la famiglia Dal Monte si è guadagnata in anni di lavoro che hanno portato E Parlamintè a divenire un punto di riferimento della ristorazione. Tutto era nato attorno a una griglia: all’inizio il piatto forte era la carne ai ferri. Ma poi, anno dopo anno, la cucina è andata specializzandosi: un po’ di tradizione e un po’ di innovazione, è stato inserito anche parecchio pesce ed ecco che la proposta del ristorante è stata definita. Il locale sorge nel centro di Imola, negli spazi che ospitarono un’osteria a fine Ottocento: prima punto di incontro degli anarchici, poi dei socialisti con Andrea Costa: da qui E Parlamintè, il piccolo parlamento, perché la politica era all’ordine del giorno. Gli arredi di una drogheria imolese vogliono ricordare i tempi che furono, così come la cassa, il banco bar e la scaffalatura. Dalla sala principale, attraverso un vetro, è possibile curiosare in cucina dove Massimo Dal Monte e il suo staff lavorano ai fornelli.

Cosa si mangia

E’ una cucina che guarda alla sostanza dei piatti e predilige i sapori decisi quella dello chef. Ci sono alcuni piatti che restano fissi durante l’anno, ma il menu cambia spesso per seguire i prodotti di stagione. Il pescato quotidiano, funghi, tartufi, verdure di stagione, influenzano la cucina. Salumi romagnoli, Culatello, patè, piadina. Questo potrebbe essere il degno inizio di un pasto da E Parlamintè. Tagliatelle (anche con farina di castagne) e tortelloni sono tra i primi più in voga e sono conditi con ragu, sfiandrine e prosciutto, salsiccia e piselli. Tortellini e passatelli in brodo. Carne alla griglia, tagliata, trippa e qualche brasato arricchiscono la proposta dei secondi. Piatti a base di pesce che variano spesso, a Massimo piace portare in tavola anche il pesce affumicato. Dolci fatti in casa dallo chef: creme, gelati, mousse, ma troneggia la Cassata ai frutti di bosco.

Cosa si beve

Sulla carta dei vini, una cinquantina circa le referenze della cantina de E Parlamintè, si è voluto premiare il territorio. La proposta è infatti concentrata sui rossi, in prevalenza Sangiovese, e sui vini romagnoli (Albana, Trebbiano, Pignoletto). Infine non mancano bottiglie rappresentative dell’offerta enoica di ogni regione d’Italia e qualche proposta di bollicine.

Fiore all'occhiello

Un locale autentico e senza eccessi nelle stradine del centro storico di Imola. Un menu in continuo divenire che, con semplicità, solletica i piaceri culinari e sa sorprendere.

Titolare:
Raffaele e Massimo Dal Monte

Chef:
Massimo Dal Monte

Maitre:

Apertura:
a pranzo e cena

Chiusura:
lunedì e domenica a cena. Nei mesi estivi anche domenica a pranzo

Ferie:
da metà luglio a fine agosto. Una settimana nel periodo natalizio

Coperti:
40 all’interno, 20 all’esterno

Parcheggio:
pubblico nelle vicinanze

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:

Carte di credito:
tutte, tranne Diners Club

Prezzo medio:
30 euro, vini esclusi

Come arrivare

Comments are closed.

Nelle vicinanze

  • “Ormai viviamo in un mondo in cui siamo sempre più numeri – spiega Leonardo Mantovani proprietario e ideatore delle Callegherie dal 1999 – per questo ci piace coccolare i nostri clienti e fargli passare due ore di serenità e genuino piacere”... »»

  • Da quarantacinque anni sulla breccia con una proposta culinaria ricercata, di assoluta eccellenza. Il San Domenico si è sempre rinnovato, mantenendo una mentalità aperta sulle novità, e da sempre è fedele alla propria filosofia... »»

  • Tanti anni fa era la bottega di una piccola borgata immersa nel verde della prima collina imolese. L’ambiente circostante è ancora quello, ma da 35 anni a questa parte quel locale è diventato un ristorante... »»

  • La trattoria Da Massimino risorge nel 2013 nella nuova sede tra le colline di Pianoro, proprio sopra Bologna, dopo il trasferimento da Livergnano, precedente location dell’attività. Vicina alle torri ma già lontano dalla bruma caotica della città... »»

  • Il pesce, quello con la “p” maiuscola, in centro a Bologna. La parola d’ordine è una sola: qualità. Lo chef Francesco Carboni... »»

«Advertisement»