Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


La Capanna di Eraclio  0

Via per le Venezie 21
44021 Codigoro FE
tel. 0533 712154
[email protected]

La Capanna di Eraclio

È tra valli e canali, qualche metro sotto il livello del mare, generata dall’epopea e -va da sé- dai maschi sudori di eroici scarriolanti. Questa fascia di terra estorta alle sregolatezze del mare custodisce paesaggi onirici, case sparse come fiches fatte cadere sul tavolo di una roulette, il tempo immobile. Fermo al 1922, forse prima. O forse il tempo non esiste neppure qui. Di quelle fiches, una è un’osteria, era un’osteria per i mezzadri che lavoravano i campi appena conquistati al mare. E oggi, a quasi cent’anni dall’inaugurazione di Luigi e Maria Soncini è un luogo dove ci si innamora della cucina semplice e familiare, ma curata in ogni dettaglio. Le tre generazioni che hanno abitato questa capanna (quanto geniale la scelta del termine che indica intimità, calore, accoglienza) si sono limitate a serbare intatta la tradizione, a lavorare con onestà quanto di meglio si può trovare in queste lande preda di nebbie e zanzare. Fuori il pergolato di vigna, dentro il mondo altrettanto incantato delle fotografie in bianco e nero.

Cosa si mangia

Pesce e selvaggina di piuma delle valli. Piatti ancestrali, non toccati da velleitarie mode. Ma la regina è lei, l’anguilla. Anzi, l’Arost in Umad: scottata sulla griglia e poi passata in forno, arrotolata e steccata con aglio e rosmarino. Con polenta, che da queste parti è bianca. Con comprimari di tutto rispetto: dalla frittura di gamberetti di laguna o di moeche ai crudi iodati preparati con canestrelli od ostriche con seducenti giochi di consistenze. Le paste, neanche si possa pensare il contrario, sono perlopiù fatte in casa: poche concessioni alle mode anche su questo versante. E allora pappardelle che profumano d’uova vengono condite d’anatra selvatica, i sapidi tagliolini con verdure sottili e aragosta. I germani reali di caccia finiscono in padella rosolati con cipolla e Fortana rosso. Anche i dolci ci ricordano un glorioso passato fatto di zabaione e torta tenerina, gelato e ciliegie cotte nel vino rosso.

Cosa si beve

Scritta a mano, come un registro d’epoca gelosamente custodito, ecco la carta dei vini. Puntuale elenco che si nobilita soprattutto con bianchi emiliani, veneti e friulani. Poi si arricchisce di Champagne e si completa con rossi che rappresentano prima di tutto la regione e via via si allargano ad altre realtà nazionali. Nei forzieri della memoria vi rimarranno i distillati.

Fiore all'occhiello

Uno scampolo autentico di attività proto industriale, pre-internauti, blogger e via dicendo. Quanto sono lontani i luccichii e i deliri di onnipresenza di certa ristorazione… 



Titolare:
Famiglia Soncini

Chef:
Maria Grazia Soncini

Maitre:

Apertura:
dalle 12.00 alle 14.30 e dalle 19.30 alle 22.00

Chiusura:
mercoledì e giovedì

Ferie:
durante il periodo di fermo pesca, di solito dal 10 agosto al 10 settembre

Coperti:
25

Parcheggio:

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:

Carte di credito:
sì, tranne Diners Club

Prezzo medio:
intorno 50 euro

Come arrivare

Comments are closed.

Nelle vicinanze

  • Talvolta si fanno tangibili luoghi usciti dalle pagine di un diario di tempi remoti, luoghi ormai lontani dalla realtà che si pensa oggi. Che ne dite di un’isoletta di suppergiù un ettaro nel delta del Po? Ecco: è proprio in uno scenario da paradiso dove convivono fenicotteri rosa, fischioni, alzavole e anguille... »»

  • “Perchè un piatto è come uno scrittoio?”. Potremmo incominciare da questo indovinello parafrasando il celebre quesito, “Perchè un corvo è come uno scrittoio?”... »»

  • Sorge nel centro storico di Copparo, in quello che una volta era il ristorante “Da Flip”, la trattoria La Supa, la zuppa nel dialetto ferrarese, regina della proposta di questo locale... »»

  • Sarebbe impossibile parlare de La Trattoria Le Nuvole senza iniziare dall’accoglienza e dalla gentilezza di Elisabetta e Pier Paolo, anima e corpo di questo elegante luogo nel centro di Ferrara... »»

  • Nascosto nel centro storico di Ferrara, il ristorante Ca’ d’Frara nasce nel 2005 e risponde al desiderio di conservare gli antichi valori della tradizione di una cucina popolare ferrarese... »»

«Advertisement»