Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


La Fiaschetteria  0

Via Bersano, 59 bis
29010 Besenzone PC
tel. 0523 830444
[email protected]
www.la-fiaschetteria.it

La Fiaschetteria

Il locale è stato aperto in ambiente di estremo fascino, una corte nobiliare del Seicento, dopo accorta ristrutturazione: l’ingresso apparteneva alle scuderie, la sala da pranzo alla parte abitativa. Fuori, nel borgo, ci vivono meno di mille persone, a cavallo del confine tra Parma e Piacenza, poche centinaia di metri da Villa Verdi. Contrade di un’Italia dove la tranquillità non è mai messa in gioco. Patrizia Dadomo, che si occupa della cucina, è autodidatta benché alle spalle abbia quattro generazioni di ristoratori. Il suo futuro sembrava interrompere la tradizione di famiglia, sui banchi di una scuola ad insegnare. Ma c’era da aspettarselo: alla fine ha prevalso l’attrazione fatale dei fornelli. Così insieme a Gianni Rigoni, il compagno di una vita, si è andata realizzando una cucina ricercata, di alto valore, legata ai ritmi delle stagioni. L’approccio della coppia al lavoro è di esemplare devozione alla documentazione per trarne personali e originali risultati, in cucina e in cantina. 

Cosa si mangia

Il lungo peregrinare di Gianni Rigoni e Patrizia Dadomo in ristoranti di elevata caratura ha permesso di tradurre la cucina tradizionale con geniale tocco di ammodernamento. Al grande precursore della cucina padana moderna, Peppino Cantarelli, è dedicato il Savarin di riso: una piccola ciambella di riso viene avvolta da lingua salmistrata, messa in forno e parzialmente sciolta e condita con sugo di polpettine e funghi. Cura delle rifiniture che si rinvengono nelle crocchette di baccalà, saltate e servite su una lodevole vellutata di funghi porcini. Si ripete in un piatto che potrebbe considerarsi triviale: Testina di vitello, lingua di manzo bollite, saltate in padella con prezzemolo e capperi e servite con la giardiniera di casa. E diventa sontuosità negli estivi Fiori di zucca al forno ripieni di faraona, ricotta e basilico conditi con olio al basilico e nel Filetto di storione con verdure di stagione al forno.

Cosa si beve

Carta ispirata dalla ricerca, dove convivono grandi nomi della viticoltura mondiale e cantine di piccole dimensioni, quelle a cui Gianni Rigoni è forse più affezionato poiché permettono di esprimere al meglio la propria curiosità e capacità di selezione. Altrettanto qualificata è la scelta di distillati, che rappresentano un’adeguata conclusione di pranzi gagliardi e sapidi.

Fiore all'occhiello

Non c’è nulla da fare: anche questa è la patria del culatello. E l’ambata Rigoni-Dadomo ne prepara un centinaio all’anno per i loro clienti. Non andatevene senza assaggio. 

Titolare:
Patrizia Dadomo e Gianni Rigoni.

Chef:
Patrizia Dadomo.

Maitre:
Gianni Rigoni.

Apertura:
a pranzo e cena

Chiusura:
lunedì sera

Ferie:
tre settimane in agosto e dal 24 dicembre al 5 gennaio

Coperti:
35

Parcheggio:

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:
sì, di piccola taglia

Carte di credito:

Prezzo medio:
degustazione a 55,00 euro; menu legato alla tradizione 35,00 euro

Come arrivare

Da nord, uscita autostradale A1 Fiorenzuola, direzione Busseto e proseguire per Besenzone. Da sud, uscita A1 Fidenza per Busseto, quindi seguire per Piacenza - Besenzone.

Comments are closed.

Nelle vicinanze

  • Amalgamare le tradizioni più diverse: è quello che fanno da sempre Claudio e Marco Cesena al Relais Cascina Scottina. Strudel o tortelli, canederli o “pisarei e fasò”, birra o bargnolino: loro - mamma bavarese e papà di Firoenzuola – sono cresciuti così, ritenendo un valore il confronto fra sapori anche in contrasto. Ed è ancora questo il primo comandamento nella cucina di Claudio... »»

  • Una bella villa trasformata in ristorante. Spazi su misura per una grande cucina d’autore, quella di Daniele Repetti, che da dieci anni a questa parte ha fatto del Nido del Picchio un luogo d’eccellenza, consacrato... »»

  • Piacenza è sempre stata una città con un piede in Emilia e l’altro in Lombardia. Una città in cui le tradizioni enogastronomiche di due regioni un po’ si mescolano e un po’ si scontrano, dando vita a un linguaggio culinario del tutto originale... »»

  • Hanno provato a cambiare Mario e Paola, ma quando il mare ce l’hai dentro è inutile pensare a carni e griglia. E così che, da sei anni, l’Osteria del Passatempo è punto di riferimento in città per chi ami il pesce. Da Ostuni Mario è arrivato negli Anni Ottanta... »»

  • Due eleganti sale arredate con gusto, una raffinata mise en place. Benvenuti nella casa di Carla e Maurizio, che dal 1987 guidano questo ristorante a due passi dal Castello di Riva... »»

«Advertisement»