Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


La Locanda del Notaio  0

Località Piano delle Noci
22020 Pelli d’Intelvio CO
tel. 031 8427016 fax 031 8427018
[email protected]
www.lalocandadelnotaio.com

La Locanda del Notaio

È bello accomodarsi ai tavoli della Locanda del Notaio in tutte le stagioni dell’anno a cavallo tra il lago di Como ed il lago di Lugano. In estate per merito della brezza che sbuffa quassù ai quasi mille metri di altitudine portando sollievo a chi proviene dalla città; in inverno accanto all’immenso caminetto che riscalda l’ambiente. Ovvio, anche in accezione immateriale. Una casa lontano da casa, questa è l’emozione che si vuole fare percepire al cliente e l’obiettivo viene raggiunto attraverso accorgimenti, dettagli e risoluzioni
 azzeccate. Nessun eccesso, lon
tano dai fragori della mondanità, 
arrivare al Notaio è entrare in un 
mondo di pace e tranquillità, con 
salette ben arredate ed un’illuminazione riuscita. Sala camino, 
sala blu, veranda e pergolato
dove ci si ferma volentieri nella bella stagione protèsi verso le verdi nuance del parco e del laghetto, del bosco. I tavoli sono distanziati e calati in un’atmosfera ovattata, morbida e piacevole grazie al pavimento in parquet, richiamato dalle tonalità delle carte da parato e dalle tinteggiature. Curate e ben fornite le camere per un piacevole e conciliante riposo, per il dopocena o per una sosta prolungata nel silenzio della valle d’Intelvi.

Cosa si mangia

L’orgoglio della giovane pluridecorata chef è quello di non prendere spunto da nessuno in particolare per la creazione dei suoi piatti. Il metodo di lavorazione è semplice: intorno al prim’attore del piatto gli si costruisce attorno la preparazione. Prima di arrivare sul tavolo del cliente, dovrà però superare il giudizio dello staff, tutto peraltro d’età inferiore ai trent’anni. Sino a che il giudizio è unanimemente positivo il piatto non va in carta. Interessante, no?! Così è nato ad esempio Pazzia atto II, che prevede l’utilizzo della zucchina in un dessert, e del risotto con gamberi e capperi mantecato al cioccolato bianco. Cucina d’autore, quindi, che predilige la ricerca e la tecnica ma alla cui base ci stanno ottime materie prime. Testimoni i panzerotti alla farina di castagne ripieni di sgombro marinato agli agrumi con salsa di finocchi caramellati ed il petto di faraona ripieno di foie gras, insalatina di spinaci e fichi al Calvados con salsa di mele. Ma anche dove la materia prima è assimilabile a commodities la professionalità dei fornelli riesce a perfezionarla a tal punto da magnificarla, come accade per le lumache, bagnetto, pancetta e gelato all’aglio. Azzardi? Neanche per sogno: ci darete ragione alla prima visita...

Cosa si beve

Il Notaio ama vini semplici, poco strutturati e che riservino qualche sorpresa quando sono nel bicchiere: piccoli produttori, vinificazione tradizionale e naturale, con ricarichi contenuti. Insomma, vini buoni al giusto prezzo.

Fiore all'occhiello

La continua capacità a creare piatti che a prima vista potrebbero risultare di abbinamenti azzardati, nasce una cucina in grado di sorprendere e catturare l’attenzione degli avventori. Certo, solo uno dei meriti dell’esuberante cucina...

Titolare:
Simonetta Manara

Chef:
Sara Preceruti


Maitre:

Apertura:
pranzo e cena da marzo a ottobre

Chiusura:
lunedì e martedì a pranzo

Ferie:

Coperti:
60 più 35

Parcheggio:

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:

Carte di credito:
tutte

Prezzo medio:

Come arrivare

da Como percorrere la SS 340 sino ad Argegno. Da qui seguire le indicazione per la val d’Intelvi.

Comments are closed.

Nelle vicinanze

  • Arroccata sulle sponde del lago di Lugano, l’Osteria La Lanterna è un luogo intimo e romantico, connotato da un’aura di tranquillità e serenità che contraddistingue questo tratto di costa lacustre. »»

  • Chissà se questa è Italia. Le automobili sono parcheggiate con cura, nessun rumore inutile e molesto, una calma che ricorda regole e comportamenti collettivi civili. »»

  • Bellagio è oggi meta turistica internazionale. Hanno contribuito al suo successo nomi noti dello spettacolo e della politica, folgorati dalla bellezza del paesaggio e dalla bontà delle sue tavole. Il Ristorante Salice Blu nasce nel 1973 quando ancora quel turismo era in gestazione »»

  • Stazza, sorriso e simpatia. Sono le tre S che accompagnano la grande cucina di Mauro Elli, lombardo, dalla grande esperienza tra i fornelli anche internazionali. Il locale è un piccolo ambiente raccolto, grazioso e confortevole, molto ben curato »»

  • Non si può parlare del Grillo senza raccontare di Patrizia Sibona e Antonio Sironi. Patrizia cresciuta in una famiglia di piemontesi e veneti, Antonio, con la nonna emiliana e il nonno lombardo »»

«Advertisement»