Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


La Palta  1

Località Bilegno, 67
Bilegno
29011 Borgonovo Val Tidone PC
tel. 0523 862103
[email protected]
www.lapalta.it

La Palta

Da fuori la Val Tidone non si intuisce, La Palta è in aperta campagna dove ancora gli Appennini piacentini si avvinghiano al Po. Un borghetto che di anime non fa cento: il maniero che cade inesorabilmente a pezzi e la rivendita di tabacchi che tiene in vita la comunità. Immagini viste troppo spesso in Italia dove il senso del Bello, anche lui, cade a pezzi. Ma dentro La Palta, oltrepassata la porta del bar di paese e della rivendita tabacchi, è un gioiello di serenità, le ampie vetrate che danno sul giardino, l’atmosfera rilassata di campagna che fa brillare una stella in rosa. Arredamento sobrio, luci ben congegnate, tovagliato misurato e di buon gusto. Isa Mazzocchi, con il sostegno di Monica la sorella, Roberto Gazzola il marito e la nutrita brigata è un bagliore di simpatia e naturalità. Quanto si debba a Georges Cogny – al suo stile schietto e immediato – in cucina e non solo- non è mistero. Ma quanto Isa Mazzocchi potrà ancora meravigliarci con la sua fantasia ed immaginazione è tutto da scoprire. 

Cosa si mangia

La sua firma è un puntino bianco. Nessun piatto sfugge al globo cremoso. Un vezzo? Tutt’altro: “È il nostro primo cibo, il latte”, il ricordo più intimo e acquartierato nel profondo di ciascuno. La cucina di Isa Mazzocchi è quella della nutrice, della semplicità ragionata, del Bene che sposa il Bello. Niente soggettivismi ma la scrupolosità a trasformare –disgregando e ricomponendo- i piatti d’un tempo (o realizzandone nuovi) che sottostanno alla stessa regola aurea della sintesi. Gli ingredienti: quelli sono reperibili nelle vicinanze e legati ai ritmi della terra. Sfilano i Tortelli tradizionali di ricotta e spinaci, gli Anolini in brodo, “Solo” una parmigiana di melanzane. E un piatto in odore di miracolo, l’Asinina: dall’originale piatto piacentino (la picula ‘d caval) ad un’esaltante prova dei sensi, scottando il filetto e accostandolo agli insoliti profumi di tartufo nero della Val Tidone e semi di fieno greco.

Cosa si beve

Dell’elemento… liquido se ne occupa Roberto Gazzola, che ha dato origine ad una offerta meticolosa di etichette territoriali. La Val Tidone ed il Piacentino in gran spolvero, ma anche etichette italiche e foreste da ricondurre al mondo della biodinamica. Buona competenza che si riscontra anche nei distillati: alcuni nomi praticamente irreperibili altrove, albergano qui. 

Fiore all'occhiello

Una famiglia che orchestra all’unisono, con le sorelle Isa e Monica Mazzocchi a fare da capobanda in cucina e in sala, mentre Roberto Gazzola risponde della cantina.

Titolare:
Isa e Monica Mazzocchi.

Chef:
Isa Mazzocchi.

Maitre:
Monica Mazzocchi. Sommelier: Roberto Gazzola.

Apertura:
aperto a pranzo e a cena

Chiusura:
lunedì

Ferie:
luglio, le ultime tre settimane

Coperti:
45 all’interno, 12 all’esterno

Parcheggio:

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:

Carte di credito:
tutte

Prezzo medio:
60 euro

Come arrivare

Dalla A1, uscire a Piacenza sud, quindi a Piacenza ovest dalla A21/E70. Proseguire sulla SS10/SP10 superare San Nicolò e Gragnanino, dalla SP11 proseguire per Bilegno.

Comments are closed.

Nelle vicinanze

«Advertisement»