Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


Locanda di Bagnara  0

Piazza Marconi 10
48010 Bagnara di Romagna RA
tel. 0545 76951
[email protected]
www.locandabagnara.it

Locanda di Bagnara


Il fascino della nobile dimora è finemente conservato. Alla Locanda di Bagnara – uno dei locali più attraenti dell’Emilia-Romagna – l’accoglienza è completa: hotel (otto camere tra cui una suite), ristorante ed enoteca offrono una proposta unica ed esclusiva. Il ristorante è ricavato dal chiostro dell’antica dimora: immaginate di cenare in questo ambiente elegante coperto da un soffitto a vetri, oppure di entrare nelle raffinate sale interne, ognuna con un camino. Rischierete di innamorarvi a prima vista di questo locale. Mirko Rocca, titolare e chef, ha incontrato la cucina di alto livello prima con Gualtiero Marchesi e poi con Stefano Cavallini. Si è formato lavorando nei migliori ristoranti del mondo e quando, nell’aprile del 2004, ha preso in mano la Locanda di Bagnara ha impostato una cucina essenziale, basando la sua proposta sulla semplicità, sulla leggerezza e sulla qualità delle materie prime. Rocca fa la spesa ogni giorno e con quello che sceglie attentamente al mercato compone il suo menu.

Cosa si mangia


Le proposte variano tutti i giorni, a seconda della spesa quotidiana. Ottimi i piatti di pesce, in cui lo chef – attraverso cotture espresse – esalta la qualità dei prodotti dell’Adriatico e del Mediterraneo, come nel Filetto di branzino con verza scottata all’aceto di vino bianco, zucca caramellata e salsa al Sangiovese. Quella di Rocca è una cucina personalizzata, sana e vera, visto che lo chef seleziona ogni giorno i prodotti che desidera. Le preparazioni leggere sono il timbro del suo lavoro: non usa burro, panna e salsa pesanti. I vegetali sono molto presenti e hanno la stessa importanza di carne e pesce. Le paste sono tutte fatte in casa – così come il pane - e non mancano alcuni piatti tradizionali. Meritano un assaggio i Ravioli di zucca con castagne, cavolo nero e mandorle tostate. Si può trovare anche la cacciagione, come la Sella di capriolo con patate schiacciate, rafano e salsa di mirtilli.

Cosa si beve


Quella della Locanda è una carta dei vini nazionale, con 160 etichette, dove vengono valorizzate le scoperte del sommelier Juliano Ferretti: una ricerca, la sua, condotta sui piccoli produttori della Penisola. I bianchi vanno per la maggiore e c’è una qualificata selezione di bollicine. Carta dei distillati con rum, cognac, whisky e grappe nazionali. Presenti alcune birre artigianali.

Fiore all'occhiello


Le proposte romantiche. Cena a lume di candela sul balconcino, notte nella suite affrescata, prima colazione in camera... Se dovete far colpo, meglio di una freccia di Cupido.

Titolare:
Mirko Rocca

Chef:
Mirko Rocca

Maitre:
e Sommelier: Juliano Ferretti

Apertura:
pranzo e cena. Lunedì serata a tema

Chiusura:

Ferie:
10 giorni ad agosto

Coperti:
80 all’interno, 80 all’esterno

Parcheggio:
ampio parcheggio adiacente

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:
no

Carte di credito:
Tutte

Prezzo medio:
da 35 a 40 euro per menu di carne; da 45 a 50 euro per menu di pesce. Vini esclusi

Come arrivare


Dalla A14 uscire a Imola e seguire le indicazioni per Bagnara di Romagna. Dalla via Emilia, da Faenza, superare Castel Bolognese e svoltare a destra per Bagnara di Romagna.

Comments are closed.

Nelle vicinanze

  • Stagione che vai, locale che trovi. E’ proprio il caso di sottolinearlo, visto che pochi ristoranti si possono permettere due affascinanti location così diverse tra loro, ma entrambe caratterizzate dalla stessa impronta... »»

  • Vini, formaggi e salumi. I migliori. Da ogni angolo d’Italia. E non mancano ricercate proposte dall’estero. Una ricerca dettagliata sulla qualità dei prodotti sta alla base della filosofia de La Baita. Roberto e Rosanna, ora affiancati dal figlio Fabio, in oltre quarant’anni hanno trasformato quella che era una bottega di generi alimentari in un tempio del gusto... »»

  • All’interno di uno storico e raffinato hotel in stile liberty – il Vittoria di Faenza – si sviluppano le tre proposte di Fabrizio Mantovani. Lo chef, compiendo quasi un percorso inverso, prima di creare un proprio ristorante identitario ha sentito la necessità di avere un luogo per tutti i giorni... »»

  • Entrando qui si ha fin da subito la sensazione di abitare un tempo, un momento lontano che si fa presente. Saranno i piccoli tavoli illuminati dalle lunghe lampade che spiovono dal soffitto basso, il camino... »»

  • Un casolare rustico immerso nelle verdi campagne romagnole. Una lettera smozzicata in rosso e un’ottima cucina di pesce. Sono questi i tre indizi che vi porteranno dritti dritti all’osteria L’O... »»

«Advertisement»