Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


L’Osteria di Via Zannetti  0

Via F. Zannetti, 2
47010 Galeata FC
tel. 0543 981063 - 338 7944058 fax 0543 033442
[email protected]
www.osteriadiviazannetti.it

L’Osteria di Via Zannetti

Se siete appassionati di cibo, escursioni, arte e storia medievale, la vallata del Bidende - e Galetata in particolare - vi riserverà grandi sorprese. E’ del secolo scorso la scoperta del sito archeologico di Mevaniola: un esteso complesso architettonico fondato in epoca romana e sviluppatosi, in alto medioevo, intorno alla probabile sede del Palazzo di Teodorico. Da qui al centro storico di Galeata il passo è breve, vi ritroverete tra le caratteristiche casette in pietra del borgo a scoprire Osteria di Via Zannetti: un piccolo ristorante sospeso nel tempo. Ad accentuare questa sensazione l’arredo: in ogni mobile e in ogni dettaglio c’è una storia, che ha collocazione nella memoria e nel cuore dei proprietari. Tutto sembra far parte di un racconto sapientemente narrato dai modi cordiali e accoglienti di Roberta, che in rondeau di attenzioni, conduce ogni ospite alla scoperta dei sapori di questo territorio. Sapori che cambiano via via a seconda della freschezza, della stagionalità e dell’estro di Marco, lo chef.

Cosa si mangia

Sono i sapori della Valle del Bidente i protagonisti del menu: spazio quindi a cacciagione di piuma e di pelo, alle erbe officinali, a funghi, tartufi e formaggi freschi - come il raviggiolo - e stagionati. Tutta la materia prima è a filiera corta per valorizzare al meglio una proposta
vicina alla tradizione, ai sapori antichi resi unici dall’abilità di Marco, sempre attento al rinnovarsi. Un esempio? Flan di verza con pancetta croccante e noci oppure una più strutturata Zuppetta dell’Adriatico, composta dalla lunga cottura di tre tipi di fagioli (neri di Col Fiorito, Borlotti e Cannellini ) con polipo, gamberi e maltagliati. Tra i piatti da non perdere i Tagliolini dell’Aia - preparati da Marco in una puntata di Eat Parade su Rai2 – il Galletto al Sangiovese e il Maialino di latte. In primavera trionfano le erbe, e quindi Ravioli erba e ricotta al sugo di stridoli e guanciale e la Trippa in bianco con bacche e finocchio selvatico.

Cosa si beve

In carta troviamo più di 40 etichette delle principali tipologie di vino romagnolo. La selezione di queste cantine viene dettata dalla volontà di prediligere le piccole realtà del territorio, soprattutto per i rossi, che si sposano perfettamente al menu proposto. La passione di Marco
per il vino lo porta anche a selezionare, nelle piccole fiere, particolari etichette che vanno a
variare la proposta della carta.

Fiore all'occhiello

Pane e focacce vengono preparati ogni mattina con ciò che la stagione propone: ciccioli, gorgonzola e noci, pancetta e pomodorini, e in primavera… miele e fiori. Buonissimi.

Titolare:
Roberta Della Rupe e Marco Mami

Chef:
Marco Mami

Maitre:
Roberta Della Rupe

Apertura:
a pranzo e a cena

Chiusura:
martedì; gennaio, febbraio e marzo anche il lunedì sera

Ferie:
indicativamente ad ottobre

Coperti:

Parcheggio:
nella piazza adiacente al locale

Struttura accessibile:
no

Accoglienza animali:

Carte di credito:
tutte, eccetto American Express e Diners Club

Prezzo medio:
25 a da 30 vini esclusi

Come arrivare

Dall’uscita di Forlì dell’A14 seguire le indicazioni per Meldola-Santa Sofia e proseguire fino a Galeata. Parcheggiare nella piazzetta limitrofa e siete arrivati.

Comments are closed.

Nelle vicinanze

  • Osteria La Campanara Commenti disabilitati

    Quando scegli di accompagnare il tuo locale con un orto didattico è chiaro che la stagionalità dei prodotti è la strada maestra che segui ogni giorno: freschezza, genuinità, qualità, un richiamo all’offerta del territorio e alle ricette della tradizione sono le fondamenta su cui Roberto e Alessandra... »»

  • Il locale ha tagliato il traguardo dei quarant’anni di attività: era il 1974 quando Dino e Laura Galasi aprirono la trattoria e oggi a condurla ci sono i figli Luigi e Maria Antonietta. Una tradizione di famiglia che continua con successo, seguendo le orme della cucina casalinga, quella classica romagnola... »»

  • Recuperare un antico complesso ecclesiastico potrebbe sembrare un’impresa impossibile, ma quando hai un architetto in casa diventa un po’ meno complicato. Grazie al progetto di Sara Vespignani il 21 luglio del 2011... »»

  • Si narra che Cà de Monti fosse un antico punto di ristoro. Il Monte Busca, tra Tredozio e Portico, sicuramente era un punto di passaggio e la via francigena non era molto distante. In due casolari ottocenteschi sorge oggi l’agriturismo Cà de Monti e, poco distante, la Fattoria Le Guide... »»

  • Conoscere il passato per interpretare il presente e porre le basi della cucina del futuro. Davanti a un’alimentazione che cambia continuamente e a nuovi stili di vita Paolo Teverini lavora con questa filosofia... »»

«Advertisement»