Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


Osteria La Campanara Commenti disabilitati

Via Borgo 24/A
Pianetto
47010 Galeata FC
tel. 0543 981561 - 333 4073324
[email protected]
www.osterialacampanara.it

Osteria La Campanara


Quando scegli di accompagnare il tuo locale con un orto didattico è chiaro che la stagionalità dei prodotti è la strada maestra che segui ogni giorno: freschezza, genuinità, qualità, un richiamo all’offerta del territorio e alle ricette della tradizione sono le fondamenta su cui Roberto e Alessandra hanno costruito l’Osteria La Campanara nella cornice di Pianetto, un luogo che conserva ancora la magia del borgo medievale con alcuni autentici gioielli come la Chiesa di Santa Maria dei Miracoli o il Convento dei Padri Minori Conventuali dove sorge il Museo Mambrini. La cucina di Alessandra è un messaggio, un invito a riscoprire i prodotti di stagione, i sapori che ogni periodo può regalare e che ben interpreta lo spirito Slow Food. Il menu segue i ritmi della terra e varia spesso, mantenendo quattro antipasti, quattro primi e quattro secondi, oltre ad alcune proposte extra. E’ una cucina del riutilizzo quella proposta, dove la polpetta (di lesso, di macinato o di verdura) è diventata uno dei piatti più significativi.

Cosa si mangia


Sapori e profumi della Romagna-Toscana costituiscono il timbro caratteristico del lavoro di Alessandra, che ha arricchito la tradizione con il suo personale tocco. Giardiniere e marmellate sono fatte all’Osteria, il caffè con la moka, per una vera cucina di casa. Molto usata la farina di castagne, per fare Tagliatelle condite con la salsiccia matta, oppure per infarinare lo spezzatino di maiale – il Giovinporcello - che viene poi cotto con la frutta (mele, fischi secche, prugne o le stesse castagne). Del bovino viene valorizzato il quinto quarto: trippa, bolliti, spezzatino, lingua... Non manca la tradizione: Ribollita, Panzanella, Pappa al pomodoro, Tortello alla lastra. Fiori, erbe aromatiche e selvatiche sono molto utilizzate sia per abbellire le portate che per il ripieno di tortelli (stridoli e rosolacce). Gustosa la misticanza estiva: rucola selvatica, tarassaco, senape e una fetta di pancetta di Mora romagnola.

Cosa si beve


La carta dei vini è impostata sui rossi romagnoli, con una bella ricerca sulle cantine locali. E’ un mix di vini giovani e bottiglie più impegnative che può incontrare e soddisfare vari gusti. Sui bianchi, invece, si spazia sul Franciacorta, in Friuli e in Alto Adige. In cantina sono contemplate una quarantina di etichette tra cui si possono trovare prodotti biologici e biodinamici. Liquori della tradizione artigianali.

Fiore all'occhiello


In estate suggestivi spazi esterni all’ombra del campanile. Nel giardino nuova piscina e un centro benessere con docce emozionali e bagno turco. Completa l’offerta la Locanda.

Titolare:
Roberto Casamenti e Alessandra Bazzocchi

Chef:
Alessandra Bazzocchi

Maitre:
Roberto Casamenti

Apertura:
a cena, sabato, domenica e festivi anche a pranzo

Chiusura:
lunedì e martedì

Ferie:
variabili. La Locanda è sempre aperta

Coperti:
40 all’interno, 70 all’esterno

Parcheggio:

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:
sì, nel periodo estivo in giardino

Carte di credito:
tutte, eccetto American Express

Prezzo medio:
30 euro vini esclusi

Come arrivare


Da Forlì seguire le indicazioni per Galeata, quindi svoltare a destra per Pianetto.

Comments are closed.

Nelle vicinanze

  • Se siete appassionati di cibo, escursioni, arte e storia medievale, la vallata del Bidende - e Galetata in particolare - vi riserverà grandi sorprese. E’ del secolo scorso la scoperta del sito archeologico di Mevaniola: un esteso complesso architettonico fondato in epoca... »»

  • Il locale ha tagliato il traguardo dei quarant’anni di attività: era il 1974 quando Dino e Laura Galasi aprirono la trattoria e oggi a condurla ci sono i figli Luigi e Maria Antonietta. Una tradizione di famiglia che continua con successo, seguendo le orme della cucina casalinga, quella classica romagnola... »»

  • Si narra che Cà de Monti fosse un antico punto di ristoro. Il Monte Busca, tra Tredozio e Portico, sicuramente era un punto di passaggio e la via francigena non era molto distante. In due casolari ottocenteschi sorge oggi l’agriturismo Cà de Monti e, poco distante, la Fattoria Le Guide... »»

  • Recuperare un antico complesso ecclesiastico potrebbe sembrare un’impresa impossibile, ma quando hai un architetto in casa diventa un po’ meno complicato. Grazie al progetto di Sara Vespignani il 21 luglio del 2011... »»

  • Conoscere il passato per interpretare il presente e porre le basi della cucina del futuro. Davanti a un’alimentazione che cambia continuamente e a nuovi stili di vita Paolo Teverini lavora con questa filosofia... »»

«Advertisement»