Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


Pane Vino e Maialino  1

Piazzale Ca’ Dante, 76
Trentino
41021 Fanano MO
tel. 0536 67601 fax 0536 906003
[email protected]
www.panevinoemaialino.it

Pane Vino e Maialino

Arredamento agreste, caldo, tutto in legno che ricorda tanto una baita di montagna. Un locale che valorizza pezzi d’antiquariato finemente restaurati: i tavoli e il bancone arrivano dagli allestimenti di antiche case dell’Appennino e vecchie botteghe della zona. Alle pareti una stupenda collezione di pentole in rame – una passione della titolare, Maria Giulia Pini, che guida il locale con il figlio Stefano Pelloni – a rimarcare quella tradizione montanara ben presente anche in cucina. A proposito di cucina, i salumi, qui, sono una questione di famiglia. Il ristorante sorge a 600 metri di altitudine adiacente al prosciuttificio Cà Dante, uno dei punti di riferimento per il Prosciutto di Modena Dop. Durante la bella stagione il locale si apre all’esterno - ha un bel cortile con giochi per bambini oltre all’ampio parcheggio privato - dando la possibilità di degustare gli ottimi prodotti del territorio ammirando il verde dell’alta Valle del Panaro. Il maiale, lo si intuisce dal nome del ristorante, è il protagonista della tavola.

Cosa si mangia

Partite dai salumi con l’antipasto emiliano: prosciutti di produzione propria, mortadella di Bologna, coppa e pancetta piacentina, ciccioli montanari, coppa di testa... Tutti prodotti di sapienti artigiani della zona. Vasta selezione di formaggi locali. Il ristorante ha ampliato il suo menu, sempre seguendo la tradizione montanara. Maria Giulia prepara dei tortelloni davvero gustosi, ha ideato una ricetta speciale con Prosciutto di Modena, funghi porcini e la pasta viene poi tirata col Marsala. Nel periodo invernale Costaiole di maiale in umido con polenta, lonza o capocollo al girarrosto, zampone o cotechino con i fagioloni in umido. In estate salsiccia di produzione propria sia classica che all’aglio e molte grigliate. Gnocco e tigelle – su richiesta anche senza glutine – non mancano mai. Pasticceria montanara arricchita dal mascarpone fatto in casa. Da provare la Torta fananina.

Cosa si beve

Qualificata la proposta di Lambruschi Doc, con etichette importanti di Grasparossa e Sorbara. La carta dei vini è posizionata saldamente sui rossi e contempla le migliori cantine modenesi. Ma la Toscana è vicina e Stefano Pelloni ha deciso di inserire una selezione di rossi fermi toscani e umbri, fra cui Chianti classico e Sagrantino di Monte Falco. Per il fine pasto Mirtillino e Lamponcino biologici, il Nocino e grappe.

Fiore all'occhiello

Nella bottega si possono acquistare le specialità dell’Appennino: marmellate, aceti balsamici (Igp e Dop), Lamburschi Doc e i salumi della tradizione emiliana già confezionati.

Titolare:
Maria Giulia Pini, Stefano Pelloni

Chef:
Maria Giulia Pini

Maitre:

Apertura:
nel periodo invernale sabato e domenica a pranzo (su prenotazione il resto della settimana). Nel periodo estivo sabato e domenica a pranzo e cena (su prenotazione gli altri giorni). Lo spaccio è aperto tutti i giorni, escluso il lunedì, e anche la domenica pomeriggio.

Chiusura:
Dal lunedì al giovedì

Ferie:
Novembre

Coperti:
50 all’interno, 30 all’esterno

Parcheggio:
sì, ampio

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:

Carte di credito:
Mastercard e Visa

Prezzo medio:
Da 15 a 25 euro, escluso vini

Come arrivare

Da Nord A1, uscita Modena Sud, direzione Vignola, poi seguire per Fanano, lungo la fondovalle. Da Sud o dalla Romagna A14, uscita Casalecchio, seguire per la provinciale Bazzanese fino a Vignola poi seguire per Fanano. Dalla Toscana percorrendo l’Autostrada Firenze mare uscire a Pistoia direzione Bologna proseguire per Porretta Terme, poi Gaggio Montano e Fanano.

Comments are closed.

Nelle vicinanze

  • Sulle mura del Quattrocento, che cingono il borgo di Castelvetro, crescono ancora i capperi, ma un tempo lassù nella postazione di guardia, stavano solo i gendarmi. Ora invece, che sono arrivati Francesco e Angela Nunzia - entrambi pugliesi -, quei capperi li usano per comporre le loro ricette. Francesco a Modena si è portato non solo il sapore del Sud... »»

  • Ambiente elegante con toni caldi, un ristorante che si sviluppa su un bel pavimento in parquet e dove prevalgono le tinte gialle. L’incontro con Franco Cerrato, patron e chef dell’Osteria dei Giarasoli, porta ad instaurare un clima informale, dove la cordialità e la gentilezza fanno da perfetta cornice ad una cucina di ricerca, che affonda le radici nei prodotti dell’Emilia ma che sa stupire... »»

  • Da cinquant’anni la famiglia Borsarini gestisce La Lumira. Un lungo percorso illuminato dal faro della cucina storica, del recupero di ricette abbandonate, di quelle preparazioni che per mille motivi non si fanno più... »»

  • “Vieni in Italia con me”. È il divertente titolo del libro dedicato ai 25 anni di carriera di Massimo Bottura e dell’evoluzione dell’Osteria francescana. Del resto realtà e tradizione vengono puntualmente tradite da una sottile dose di irriverenza in questo che è il regno del pluripremiato Bottura... »»

  • Quando la vocazione chiama, inutile opporsi. Così anche se hai in tasca una laurea in Economia e Commercio, ma la cucina è sempre stata il tuo desiderio segreto, abbandoni i libri mastri e ti consegni incondizionatamente ai fornelli... »»

«Advertisement»