Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


Piccolissimo  1

Corso Ubaldo Comandini 121
47521 Cesena FC
tel. 0547 21078
[email protected]
www.ristorantepiccolissimo.it

Piccolissimo

Ricavato in un’antica stazione di sosta all’ombra di Porta Santi, nel centro storico di Cesena, il ristorante Piccolissimo è uno scrigno delgusto, dove la tradizione e l’innovazione suonano la stessa musica, diretta magistralmente dallo chef Alessandro. Il locale è caldo, intimo, accogliente. Quando entri, mentre scendi gli scalini che portano dall’atrio alla sala principale, hai l’impressione di aver messo piede in una bella casa, di quelle arredate con gusto, di quelle sempre pronte ad accogliere un ospite. Ci sono fotografie in bianco e nero di Cesena appese alle pareti, pareti colorate con tinte
forti, dall’arancio al rosso Ercolano. E poi i divanetti, i vasi, suppellettili che ricordano viaggi in
paesi lontani... L’ideale per farsi coccolare dalle originali proposte della cucina di Alessandro. E se vi è piaciuto un piatto affrettatevi a ritornare, perché dopo qualche mese rischiate di non trovarlo più: il Piccolissimo propone due menu all’anno e le ricette, una volta cambiate, non vengono più riproposte.

Cosa si mangia

Siamo a Cesena, siamo in Romagna. In luoghi come questo non ci si può esimere dall’utilizzare prodotti del territorio. Ma questo non vuol dire che Alessandro Di Furia non influenzi la sua cucina con sapori che arrivano da tutto il mondo. Una crudità di tonno potrebbe sembrare astrusa dalla cucina romagnola. Ma al Piccolissimo la si può assaporare abbinata a della giardiniera fatta in casa e a della frutta, con una “maionese” agli agrumi. Oppure un Tonno in porchetta abbinato alla piadina romagnola. Tra i primi possiamo trovare Tortelli ripieni ai funghi porcini con la zucca; oppure Cappellacci con la pasta ai pistacchi ripieni di patata e salsiccia, saltati con il polipo (sapori importanti arricchiti dalla scarola e quella sua inconfondibile nota amarognola). Al Piccolissimo si mangia anche gli occhi: i piatti che escono dalla cucina sono dei capolavori di colori e l’impatto visivo è notevole.

Cosa si beve

Alessandro ha curato personalmente anche la carta dei vini, selezionando una settantina di etichette italiane – in prevalenza rossi – che ben si adattano alla sua cucina, mettendo in risalto i sapori dei piatti. Il territorio è ben rappresentato. Il Piccolissimo ha anche una carta dei distillati con ricche proposte – dalla grappa all’amaro - dove trovare il liquore giusto per concludere il pasto.

Fiore all'occhiello

Titolare:
Alessandro Di Furia

Chef:
Alessandro Di Furia

Maitre:

Apertura:
a cena. La domenica a pranzo

Chiusura:
lunedì.

Ferie:
chiuso da giugno a metà settembre.

Coperti:
60

Parcheggio:
lungo viale Carducci e sulle mura cittadine.

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:
no.

Carte di credito:
Mastercad e Visa

Prezzo medio:
da 35 a 50 euro, vini esclusi.

Come arrivare

Dalla A14 uscire a Cesena e proseguire lungo la Cervese verso il centro, dalla via Emilia proseguire in direzione Ospedale.

Comments are closed.

Nelle vicinanze

«Advertisement»