Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


Riva  0

Via Riva, 16
29028 Ponte dell'Olio PC
tel. 0523 875193
[email protected]
www.ristoranteriva.it

Riva

Due eleganti sale arredate con gusto, una raffinata mise en place. Benvenuti nella casa di Carla e Maurizio, che dal 1987 guidano questo ristorante a due passi dal Castello di Riva, in Val Nure. Da secoli osteria della località, la struttura, a inizio Novecento, oltre ad essere luogo di ristoro era anche bottega, ospitava un barbiere e persino una fabbrica di bottoni. Negli anni tante trasformazioni, fino ad arrivare all’attuale assetto. Oltre al ristorante il bar riaperto da poco, con alcuni tavoli per chi vuole gustare un aperitivo o una merenda. Carla è cresciuta professionalmente con lo chef George Congy, un’istituzione della vallata piacentina. Maurizio, invece, ha studiato agraria: i vini sono la sua passione e le storiche cantine del palazzo – oltre alla sala del ristorante - sono il suo regno. Dalla passione e dalle competenze di questa coppia nasce la straordinaria forza del locale, uno dei più conosciuti della provincia di Piacenza. Qui tradizione e ricerca vanno a braccetto, per una proposta unica nel suo genere.

Cosa si mangia

Il menu si presenta con alcuni piatti della tradizione e una parte dedicata ai prodotti di stagione, dove emerge tutta la creatività e la ricerca di Carla. Sono contemplati anche piatti di pesce, vegetariani e vegani; inoltre la cucina è attenta agli intolleranti al latte e al glutine. Tortelli di erbette e Anolini di stracotto sono sempre presenti, così come la prelibata selezione di salumi e formaggi (serviti con marmellate e mostarda). Il tartufo, bianco e nero, è un prodotto ricorrente, come l’asparago piacentino e le patate della Val Nure. Anche la cacciagione (cinghiale, capriolo, pernice...) viene sapientemente lavorata. In estate si arricchisce la proposta di mare, con crostacei e crudità. Ci sono piatti dedicati a Cogny, come il Tortino di cipolle, tartufo nero e sale grosso e – passando ai dolci – quello che era uno dei suoi cavalli di battaglia: il Tortino al cioccolato.

Cosa si beve

Nella Duecentesca cantina – luogo pieno di fascino – sono conservate mille etichette, per una carta dei vini dal tono importante e internazionale. I prodotti italiani sono quelli tenuti in principale considerazione, con un occhio di riguardo ai produttori della Val Nure. Ricca la proposta francese, poi si spazia con le eccellenze del mondo. Sui distillati buona selezione di wishky, armagnac, rum, grappe e calvados.

Fiore all'occhiello

La fine arte della ristorazione. Carla vi saprà stupire con ricercate proposte che, dalle basi della cucina piacentina, abbracciano diverse armonie solleticando i sensi.


Titolare:
Carla Ardelli e Maurizio Rossi.

Chef:
Carla Ardelli.

Maitre:
Maurizio Rossi

Apertura:
a pranzo e a cena

Chiusura:
lunedì e martedì a pranzo

Ferie:
variabili

Coperti:
25/30 all’interno, 25/30 all’esterno

Parcheggio:
parcheggio antistante al Riva

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:

Carte di credito:
tutte

Prezzo medio:
45/50 euro, vini esclusi

Come arrivare

Da Piacenza imboccare la strada provinciale che conduce a Grazzano Visconti e Bettola. A 22 km da Piacenza si trova la località Riva a Ponte dell’Olio.

Comments are closed.

Nelle vicinanze

  • Nel borgo del Castello di Rivalta, adagiato sulle sponde del Trebbia e con sullo sfondo le verdi colline piacentine, c’è un locale storico della ristorazione piacentina: l’Antica Locanda del Falco... »»

  • Una bella villa trasformata in ristorante. Spazi su misura per una grande cucina d’autore, quella di Daniele Repetti, che da dieci anni a questa parte ha fatto del Nido del Picchio un luogo d’eccellenza, consacrato... »»

  • Da fuori la Val Tidone non si intuisce, La Palta è in aperta campagna dove ancora gli Appennini piacentini si avvinghiano al Po. Un borghetto che di anime non fa cento: il maniero che cade inesorabilmente a pezzi ... »»

  • Amalgamare le tradizioni più diverse: è quello che fanno da sempre Claudio e Marco Cesena al Relais Cascina Scottina. Strudel o tortelli, canederli o “pisarei e fasò”, birra o bargnolino: loro - mamma bavarese e papà di Firoenzuola – sono cresciuti così, ritenendo un valore il confronto fra sapori anche in contrasto. Ed è ancora questo il primo comandamento nella cucina di Claudio... »»

  • Hanno provato a cambiare Mario e Paola, ma quando il mare ce l’hai dentro è inutile pensare a carni e griglia. E così che, da sei anni, l’Osteria del Passatempo è punto di riferimento in città per chi ami il pesce. Da Ostuni Mario è arrivato negli Anni Ottanta... »»

«Advertisement»