Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


Rolly  0

Via Repubblica, 4
25080 Manerba del Garda BS
tel. 0365 651159
[email protected]
www.ristoranterolly.it

Rolly

Era un piccolo bar a servizio dei campi da tennis e del rimessaggio accanto, poi arrivò Stefano Baldelli, lunga esperienza e amore per il Bello. Trasforma piano-piano il baretto: inizia a proporre qualche piatto fatto con criterio, poi toglie di mezzo i campi da tennis e trasforma Rolly in ristorante d’alto livello serrato da canne di bambù intorno alla verde erba pettinata e alla piscina. Il lago non si vede, ma se ne percepisce la brezza costante, salutare d’estate, pungente in inverno. Nella quiete della zona residenziale il locale prende corpo intorno a
 pezzi d’arredamento che si rifanno all’architettura Bauhaus, lineari
 e minimalisti. I tavoli, pochi e assai 
distanziati, non soffrono l’assenza 
delle tovaglie; semmai si esaltano
 e trovano compimento con stoviglie preziose, eleganti vasi di fiori
 e vetri soffiati di Murano che li adornano. Le musiche cult di Keith Jarrett e Miles Davis rafforzano l’aria erudita della gradevole e stimolante biblioteca mentre un’illuminazione studiata e raffinata ricrea magiche atmosfere. D’estate, affacciati sul prato che ospita ulivi centenari, anche comodi divani per aperitivi o per chiudere la serata con alcuni interessanti Armagnac o Calvados che Stefano Baldelli potrà suggerire. Rolly è un sogno raggiunto, il ristorante sempre desiderato, accogliente, dove non esistono inutili sovrastrutture. Un’oasi dove il buon gusto regna e la rilassatezza la fa da padrona.

Cosa si mangia

Originale l’approccio alla cucina del giovane Dino Colantuono, dalle poliedriche ed apprezzabili esperienze, al pari dell’ambiente che lo ospita. I fornelli prediligono pesce di mare, distribuito direttamente dalle coste della Sardegna evitando prodotti ittici che hanno letteralmente invaso le carte dei ristoranti e degli altri luoghi di ritrovo. Via libera quindi a pezzogne, a dotti e a leccie preparati con cura come il filetto di pezzogna in crosta di tarallucci, caponata di melanzane e scaglie di ricotta salata. Telline e ricci di mare hanno bonariamente invaso grezzi spaghetti inondando di gusto la crema di zucchine alla scapece, altrettanto le triglie al forno farcite da pecorino e accompagnate da fave e verza, mentre nei sapori e profumi del lago si impossessano a vicenda sapori e aromi locali: il limone, i capperi ed il coregone di Gargnano. La clientela, non ancora quella foresta che forse da queste parti del lago è alla ricerca d’una cucina più spiccia e meno colta, scopre piatti diversi ogni 15 giorni potendo trovare un menu degustazione di 6 portate a 60 euro.

Cosa si beve

Non servono i grandi nomi per fare una grande carta dei vini. Lo sanno bene i clienti del Rolly, dove le etichette sono semplicemente adeguate ai piatti serviti nel locale. Insomma, anche le cantine più piccole e meno conosciute, se proposte correttamente, vi regaleranno momenti indimenticabili...

Fiore all'occhiello

La ragione in più per visitare Rolly è l’Imperdibile olio della casa –ovviamente gardesano- con qualcuno dei pani e dei grissini che escono ogni giorno dalla cucina.

Titolare:
Stefano Baldelli

Chef:
Dino Colantuono

Maitre:

Apertura:
aperto la sera e, durante le giornate festive, anche a pranzo

Chiusura:
lunedì

Ferie:
gennaio e febbraio

Coperti:
20 all’interno e 25 all’esterno, d’estate

Parcheggio:

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:

Carte di credito:
tutte

Prezzo medio:

Come arrivare

da Brescia raggiungere Desenzano del Garda e da lì proseguire per Salò. Il ristorante si trova nella parte nord di Manerba del Garda.

Comments are closed.

Nelle vicinanze

  • L’Hostaria Uva Rara è un accogliente e raffinato ristorante situato sulle colline della Franciacorta, nel cuore dell’area nota per i suoi vini e per la bellezza dei paesaggi. »»

  • La storia di Giambattista e Diego Papa, fratelli nella vita e nella ristorazione, inizia da una radicata passione per la cucina intesa come inscindibile commistione di territorio, ricerca ed evoluzione. Queste tre parole diventano imperativi per definire l’approccio del ristorante Gaudio... »»

  • Era il 1993 quando Aldo Chiari e Cinzia Martina aprirono questo accogliente e goloso ristorante, un poco discosto dalle vie di maggiore comunicazione. »»

  • Antica posta aperta negli anni Venti per il cambio di cavalli diretti ai prossimi passi montani, nel 1958 il semplice locale si trasforma in ristorante grazie all’intervento della famiglia Bernardi »»

  • Talvolta la molla che spinge il consumatore a ripetere il varco della soglia di un locale risiede non solo nella bontà dei piatti che sa andrà a gustare, ma anche nel buonumore e bonarietà di certi cuochi »»

«Advertisement»