Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


Sorsimorsi  0

Via Poggio, 2
40017 San Giovanni in Persiceto BO
tel. 051 6810768 fax 051 821286
[email protected]
www.sorsimorsi.it

Sorsimorsi

I sorsi ed i morsi. Non è affatto scontata la sensibilità a volere rimarcare la centralità dell’uno in presenza dell’altro (e viceversa). C’ha pensato Moris Libanori che dei Sorsimorsi è l’autore ed il regista. Infatti suoi i piatti, sua la scelta degli ingredienti, molto spesso scovati dietro l’angolo di casa. A dire il vero la famiglia di provenienza non è nuova a questa attività (possedeva una trattoria a mezz’ora da qui), ma lui questo lavoro se l’è creato dopo gli studi in economia, una volta che si era applicato a un ciclo di lezioni di cucina e di assaggio dei vini. Un cursus honorum che doveva necessariamente concludersi – anzi iniziare… - nell’apertura, all’inizio del 2004, di questo ristorante ottenuto dalla ristrutturazione ecocompatibile di un fienile immerso nella campagna bolognese, che entra dalle grandi vetrate. Se il contatto con la natura non è sufficiente viene in soccorso la bella veranda che trascina letteralmente i clienti a contatto con lo spazio immenso di questa silente pianura. 

Cosa si mangia

L’Emilia a tavola, sembra sussurrare il menu. Eppure accanto alle crescentine che accompagnano i salumi e la conserva di verdure, ai Tortellini in brodo di manzo e cappone ed alla Guancia di manzo brasata al Sangiovese con polenta arrostita, non mancano alcune gustose esperienze che sono state generate dagli innumerevoli collaudi da parte di Moris Libanori. Si tratta pur sempre di varianti che non inficiano la storia culinaria dei luoghi, semplicemente la arricchiscono: ecco i Tortelli dalla sfoglia nera ripieni di zucca e gli Gnocchi di farina di castagne conditi con tartufo. Premiate dal continuo successo del pubblico le Tagliatelle gialle e verdi al ragù e i Tortelloni di ricotta e spinaci al burro e salvia, i biscottini da immergere nel vino dolce e lo Zuccotto di cioccolato ripieno di semifreddo al croccantino e Pesche sciroppate all’amaretto. Tra le carni, il maiale, che diventa grigliata di salsiccia o filetto avvolto nel lardo con salsa alla senape a seconda delle predisposizioni di ciascuno.

Cosa si beve

La cantina di Sorsimorsi conserva circa 200 etichette di vino con annessa un’ampia scelta di distillati.

Il maitre Moris Libanori segue nelle sue scoperte enologiche il miglior rapporto qualità prezzo che propone ai suoi clienti come un marchio di garanzia. I vini sono per lo più italiani. Un’attenzione particolare è riservata alle bollicine, ai lambruschi e ai vini toscani.

 

Le etichette nazionali hanno un posto di privilegio nella carta del Sorsimorsi. Qui le maggiori regioni vinicole del nord Italia sono ampiamente rappresentate: dalla Toscana al Trentino, dal Piemonte al Friuli. Spulciando l’elenco si incontrano anche alcune etichette francesi ma soprattutto begli esempi di agricoltura biologica, che riscuotono sempre maggiori favori dai clienti.

Fiore all'occhiello

Il fermento culturale che regna quando l’immobile accoglie mostre di artisti locali è l’ideale completamento della tranquillità mentale che si respira nel ristorante.

Titolare:
Moris Libanori

Chef:
Moris Libanori

Maitre:
Moris Libanori

Apertura:
dalle 12.00 alle 14.30 e dalle 19.30 alle 22.00

Chiusura:
Sabato a pranzo e Martedì

Ferie:
la settimana di Ferragosto

Coperti:
70 ed altri 140 al piano superiore

Parcheggio:
Privato

Struttura accessibile:
Si

Accoglienza animali:
No

Carte di credito:
Tutte

Prezzo medio:
35 euro

Come arrivare

A Bologna in tangenziale uscita 3, direzione San Giovanni in Persiceto, dopo 12 chilometri al cartello di località girare la prima a sinistra. Da Modena, uscita A14 Modena nord, tangenziale direzione Ferrara-Nonantola fino a San Giovanni Persiceto, al termine girare prima strada a destra.

Comments are closed.

Nelle vicinanze

  • 15 ottobre 2013. Dopo aver girato mezzo mondo Vincenzo Vottero Vintrella torna nella sua Bologna per realizzare un nuovo sogno e dar vita ad un’altra avventura. Prende l’Antica Trattoria del Reno – locale storico della città felsinea – e cambia tutto... »»

  • È il caffé Chantant, antico tempio del varietà bolognese di fine ottocento, la magnifica cornice che fa da sfondo al Ristorante I Portici. Inaugurato nel 2008 e posizionato in una delle arterie principali del capoluogo emiliano, si candida sin da subito a rappresentare l’eccellenza del patrimonio enogastronomico... »»

  • Dopo cinquant’anni ha ripreso in mano il locale del nonno, una vecchia osteria adiacente al Reno in un punto di ritrovo storico di Casalecchio: fermata di posta prima, capolinea del tram poi. Antonio Gasperini si è innamorato di questa antica struttura... »»

  • Una bandiera della cucina tipica bolognese, un ambasciatore dei sapori emiliani, un baluardo della città felsinea. Nel pieno centro di Bologna, ospitato nello storico Palazzo della Zecca... »»

  • Aperto da poco nel centro di Bologna, nella caratteristica piazza dei Tribunali, Noir è la nuova creazione di Marco Fadiga. E’ un locale che rispecchia la personalità dello chef, che mette in risalto... »»

«Advertisement»