Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


Trattoria Da Massimino  0

Via A. Gramsci 3/i ingresso su Corso Esperanto
40065 Pianoro Nuovo BO
tel. 051 4126916 - cell. 392 0363832
[email protected]
www.damassimino.com

Trattoria Da Massimino

La trattoria Da Massimino risorge nel 2013 nella nuova sede tra le colline di Pianoro, proprio sopra Bologna, dopo il trasferimento da Livergnano, precedente location dell’attività. Vicina alle torri ma già lontano dalla bruma caotica della città, la trattoria ricostruisce un ambiente elegante e raffinato dove le opere dello scultore bolognese Nicola Zamboni conferiscono al locale un carattere artistico e allo stesso tempo easy, informale. Qui Piemonte ed Emilia Romagna si incontrano in un abbraccio amoroso e culinario. Lui, Massimo Bena, chef di Ivrea mentre lei, Giulia Bernardi, maitre, bolognese. Attorno questo dualismo si costruisce e ruota l’anima di questa esperienza enogastronomica dove i piatti della tradizione emiliana e piemontese vengono interpretati con creatività e leggerezza sulla base dell’eccellenza delle materie prime usate. La certificazione e la provenienza degli ingredienti (presidi Slow food) testimoniano l’impegno e la volontà di aggiudicarsi un certificato di stima nella ristorazione bolognese.

Cosa si mangia

Accomodandovi ai tavoli vi verranno offerti grissini piemontesi biologici fatti a mano, pane e un calice di Prosecco. Risotto mantecato alle castagne, tartufo nero e madeira, è chiaramente un biglietto da visita notevole nella cucina dello chef Massimo Bena che prepara i suoi piatti seguendo la stagionalità dei prodotti. Nel periodo autunnale è consigliato lo Sformatino di zucca su fonduta al Castelmagno d’Alpeggio DOP e chips di prosciutto crudo, delicato nel definire i confini tra gli elementi. Il Piemonte emerge con i Ravioli del “Plin” ripieni di arrosto in salsa al brasato di fassona piemontese. L’alternanza della proposta divisa tra terra e mare vede il Filetto di maialino avvolto in lardo di colonnata con salsa di barbabietole rosse, senape in grani e cardi e Rombo chiodato in manto di patate alle erbette provenzali con puntarelle al vapore, uva passa e pinoli. In finale una nota dolce con Tortino di farina di castagne con susine tiepide al rhum.

Cosa si beve

Entrambi sommelier, Massimo e Giulia nutrono un vero amore per il vino che traducono nella carta in una selezione che affonda le radici con predominanza nei vitigni del Sud Italia, il Fiano Pietra incantata di Luigi Maffini, o più a nord il Sangiovese Superiore Riserva Vigna del Generale. Anche uve della Germania, Austria e Francia. Birre artigianali italiane e belghe ed una ricca gamma di distillati.

Fiore all'occhiello

La certificazione dei prodotti a testimonianza di una cucina a kilometro zero dove la qualità e i sapori sono frutto di una ricerca continua delle materie prime migliori.

Titolare:
Massimo Bena e Giulia Bernardi

Chef:

Maitre:

Apertura:
pranzo e cena

Chiusura:
Domenica

Ferie:
15 giorni ad agosto e 15 giorni in febbraio

Coperti:
45 all’interno e 45 all’esterno

Parcheggio:
no

Struttura accessibile:

Accoglienza animali:

Carte di credito:
tutte

Prezzo medio:
da 35 a 40 euro

Come arrivare

Comments are closed.

Nelle vicinanze

  • Se per aprire la porta del ristorante devi fare pressione, lettore, su di una maniglia a forma di pesce, non serve andare molto oltre per immaginare... »»

  • Il pesce, quello con la “p” maiuscola, in centro a Bologna. La parola d’ordine è una sola: qualità. Lo chef Francesco Carboni... »»

  • Dopo cinquant’anni ha ripreso in mano il locale del nonno, una vecchia osteria adiacente al Reno in un punto di ritrovo storico di Casalecchio: fermata di posta prima, capolinea del tram poi. Antonio Gasperini si è innamorato di questa antica struttura... »»

  • Aperto da poco nel centro di Bologna, nella caratteristica piazza dei Tribunali, Noir è la nuova creazione di Marco Fadiga. E’ un locale che rispecchia la personalità dello chef, che mette in risalto... »»

  • Il sapore della Sicilia in centro storico a Bologna: pesce freschissimo e tantissima verdura in un locale dell’atmosfera accogliente e familiare. Una trattoria informale, con le tovagliette di carta per intenderci, ma davvero curata nei dettagli... »»

«Advertisement»