Chiudi

Questa sezione sarà disponibile a breve

Se vuoi essere avvisato quando sarà attiva, iscriviti alla newsletter.


Trattoria dai Mugnai  1

Via Mulino, 11
40053 Valsamoggia BO
tel. 051 6702003 - cell. 347 7702479 fax 051 6702003
[email protected]
www.daimugnai.it

Trattoria dai Mugnai

Il mulino oramai non funziona più. I secoli sono stati divorati con voracità dalla tecnologia e dall’automatizzazione, ma questo non significa nulla. Lo spirito del tempo è rimasto uguale ed oggi la trattoria dai Mugnai rimane il punto di riferimento della comunità che lega i comuni della Valsamoggia; una cordata di persone che si ritrovano di fronte al dovere di portare avanti i sapori della propria terra. Stefano Parmeggiani, discendente di Giosuè Parmeggiani, mugnaio dal 1873, si incarica di traghettare questa tradizione che vede nel cibo il modo per proteggere le sue radici. Un locale arredato mantenendo gli stilemi classici delle trattorie del novecento, con una terrazza che si sporge sui colli della storia di Monteveglio, trasformano questo luogo in un osservatorio privilegiato dei rituali popolari che abitano i sentieri del sapore lungo questi pendii. Dai Mugnai diventa sinonimo d’incontro, come cinquecento anni fa era questo mulino per i mugnai che impegnavano le proprie braccia per giungere sino ad oggi.

Cosa si mangia

E’ la stagionalità che detta la realizzazione dei piatti, poi le idee nascono da Stefano, la moglie Serena e la cognata Anna Maria. Una cucina di carne, come d’uopo da queste parti, che si divide tra tradizione e rivisitazione. La cura dei prodotti tutti a km zero, viene affiancata all’esperienza della sfoglia fresca fatta in casa e il pane del fornaio a due passi, determinano la proposta della trattoria Dai Mugnai. Gli “Striccapugni”, un particolare radicchio di queste zone, quando è stagione, viene raccolto e servito con Guanciale caldo di Pavullo, mentre gli Gnocchi con le patate di Tolè si accompagnano al Tortino di zucca violina con patate violatartufo  di Savigno e Parmigiano 36 mesi. Tra i secondi propone Guancia di vitello brasato con verdure oppure Tagliata di filetto di manzo con olio buono, rosmarino e sale di Cervia. Per finire Semifreddo al mirtillo di Fanano DOP con briciole di meringa o Tartufini al cioccolato con Barolo chinato.

Cosa si beve

Un centinaio le etichette presenti in carta comporre il profumato mosaico delle migliori uve dei colli bolognesi. Accanto al profumo di un Pignoletto della Tenuta Bonzara vigna antica 2013, il Rosso Bologna DOC la Marmocchia “Cavariol” o Chardonnay fermo Corte D’Aibo del 2012. Vino sfuso Merlot dell’azienda agricola Botti e Pignoletto frizzante Vignà. In carta anche Birre artigianali  e ampia selezione di distillati.

Fiore all'occhiello

La tradizione di questa trattoria è parte integrante di “Vivi Valsamoggia”, un progetto che lega le persone e la buona cucina con la solidarietà, l’impegno e i diritti.

Titolare:
Stefano Parmeggiani

Chef:
Mattia Iubini

Maitre:

Apertura:
a pranzo dal martedì al venerdì e domenica, a cena martedì, venerdì e sabato

Chiusura:
Lunedì

Ferie:
15 giorni a gennaio e 15 giorni ad agosto

Coperti:
50 all’interno, 40 all’esterno

Parcheggio:
Privato

Struttura accessibile:
Si

Accoglienza animali:

Carte di credito:
Tutte

Prezzo medio:
Da 30 a 35 euro

Come arrivare

Da Milano uscita a Modena sud, seguire per Bazzano, Monteveglio. Da Bologna uscita Casalecchio, seguire per Crespellano, Monteveglio.

Comments are closed.

Nelle vicinanze

  • Amerigo Bettini aprì ottant’anni fa la trattoria che rivive oggi nelle buone pratiche di Alberto, il nipote. È lui ad avere ricreato quell’ambiente culturale che, opportunamente riletto, ricalca la consuetudine nei paesi d’un tempo... »»

  • Se per aprire la porta del ristorante devi fare pressione, lettore, su di una maniglia a forma di pesce, non serve andare molto oltre per immaginare... »»

  • Dopo cinquant’anni ha ripreso in mano il locale del nonno, una vecchia osteria adiacente al Reno in un punto di ritrovo storico di Casalecchio: fermata di posta prima, capolinea del tram poi. Antonio Gasperini si è innamorato di questa antica struttura... »»

  • 15 ottobre 2013. Dopo aver girato mezzo mondo Vincenzo Vottero Vintrella torna nella sua Bologna per realizzare un nuovo sogno e dar vita ad un’altra avventura. Prende l’Antica Trattoria del Reno – locale storico della città felsinea – e cambia tutto... »»

  • Una bandiera della cucina tipica bolognese, un ambasciatore dei sapori emiliani, un baluardo della città felsinea. Nel pieno centro di Bologna, ospitato nello storico Palazzo della Zecca... »»

«Advertisement»